L'innovazione nei sistemi di monitoraggio flotta: il protocollo TiGR

Logo TIGR

10 domande e risposte sul protocollo

1. Che cos'é?

Il protocollo TiGR è il nuovo standard industriale per la comunicazione tra veicoli e centrali di monitoraggio flotte.

2. Chi lo ha sviluppato?

Il protocollo è stato originariamente definito e sperimentato nel progetto Europeo EBSF2. Il protocollo è stato poi consolidato e standardizzato dall’ Associazione internazionale ITxPT, di cui fanno parte anche i principali costruttori di autobus a livello mondiale.

3. A cosa serve?

Il protocollo risponde all'esigenza degli operatori del trasporto di disporre di una piattaforma di telediagnostica e monitoraggio flotta centralizzata ed interoperabile, indipendente dai fornitori di veicoli ed apparati di bordo, ed applicabile su qualsiasi veicolo.

4. Che vantaggi offre?

I vantaggi sono molteplici:

i veicoli possono essere equipaggiati in fabbrica con gli apparati di bordo scelti e garantiti dal costruttore;
nessuna necessità di interventi retrofit sui veicoli già in esercizio;
gli utenti accedono ai dati di tutti i veicoli tramite un’unica piattaforma scelta dall’azienda di trasporto ed indipendente dal costruttore dei veicoli;
i dati sono codificati in maniera uniforme indipendentemente dalla marca e modello del veicolo;
i servizi forniti dalla piattaforma (ad esempio: algoritmi di validazione dei dati, notifiche di allarme in tempo reale, report automatici, statistiche, ecc.) sono automaticamente disponibili in maniera uniforme per tutti i veicoli della flotta connessa;

5. La standardizzazione limita la quantità/qualità dei dati disponibili?

No, il protocollo è strutturato per poter gestire tutti i dati diagnostici disponibili a bordo, anche i più dettagliati (DTC).

6. Il protocollo è pubblicamente disponibile?

Sì, il documento è liberamente scaricabile dal sito https://itxpt.org/.

7. Il documento ITxPT è esaustivo?

No, il documento descrive il formato dei dati e le regole di comunicazione a livello implementativo. Il documento specifica anche la presenza di alcuni dati obbligatori (“mandatory”), ma demanda a successive precisazioni a cura dell’utilizzatore per la selezione dei dati previsti ma non obbligatori (“recommended”).

8. Il protocollo è utilizzabile solo per la telediagnostica?

No, la struttura è flessibile e può essere arricchita facilmente con dati aggiuntivi per altre esigenze, esempio monitoraggio dei consumi, stile di guida, rilevamento del carico e conteggio dei passeggeri trasportati.

9. Il protocollo è applicabile anche ai veicoli della transizione energetica?

Sì, il protocollo è già stato integrato con i dati specifici dei veicoli a gas, ibridi, full electric e ad idrogeno.

10. Cosa devo fare per assicurare una corretta predisposizione dei miei veicoli con il protocollo TiGR?

Sono necessari due step:

la stesura del capitolato tecnico di fornitura deve prevedere oltre al requisito TiGR un documento di precisazioni tecniche dettagliate in base agli obiettivi aziendali;
in fase di consegna è necessario verificare attentamente la rispondenza ai requisiti di capitolato sia dell’implementazione realizzata, che della documentazione fornita. Tale verifica dev’essere eseguita al più presto, in quanto diventa molto difficile e dispendioso risolvere eventuali difformità una volta che i veicoli sono stati accettati e messi in servizio;

Logo EBSF
Logo ITxPT
Logo TIGR
Logo 4Fleets